Blog: http://dada.ilcannocchiale.it

REFERENDUM - LE RAGIONI PER QUATTRO SI




Ormai ci siamo, il confronto tra fronte del si, fronte del no e fronte astensionisti si fa sempre più serrato. Una decisione che come nel caso del terzo quesito (diritti del concepito), tocca la coscienza individuale di ciascuno di noi, al di là del settore di appartenenza, tanto è vero che politici dello stesso schieramento come Berlusconi, Buttiglione e Fini, esprimono tre posizioni referendarie completamente discordanti tra loro.

Personalmente sono per il SI in almeno tre dei quattro quesiti referendari e qui di seguito cerco di spiegarne le ragioni di tale scelta, sicuro che tanti altri avranno motivi per fare scelte diametralmente opposte. Il mio augurio è che la decisione che prenderemo, qualunque essa sia, risulti libera da pregiudizi e/o preconcetti di ogni genere. Buon voto a tutti.

 

 

 

I° QUESITO

      NUOVE TERAPIE

La legge 40 vieta ai ricercatori di utilizzare cellule staminali prelevate da embrioni non utilizzati.

 

Votiamo SI perché la legge attuale è talmente ipocrita da vietare questa ricerca sulle cellule staminali embrionali prodotte in Italia, ma non su quelle importate dall’estero. Si tratta di cellule che debitamente orientate sono capaci di moltiplicarsi, consentendo la cura di malattie quali l’Alzheimer o il Parkinson.

 

 

II° QUESITO

SALUTE DELLA DONNA

La legge vieta il congelamento degli embrioni, imponendone la produzione massima di tre.  

 

Votando SI eviteremo di stabilire per legge quanti embrioni devono essere prodotti dando a tutte le donne ( anche di età molto diverse) le stesse possibilità di riuscita di un impianto. Con il congelamento degli embrioni, inoltre, aumentano sensibilmente la possibilità di riuscita della gravidanza.

 

 

III° QUESITO

LIBERTA’ DI SCELTA

La legge attuale assicura al “concepito” gli stessi diritti della madre e della persona nata, intendendo per “concepito” l’ovulo fecondato ancor prima che si formi l’embrione.

 

Il dubbio nasce in merito al fatto di  stabilire per legge in quale momento avviene l’origine della vita. La Chiesa enumera diverse teorie al riguardo, mentre per gli scienziati è più giusto parlare di varie fasi di vita dell’embrione. Poiché si tratta di un fatto di coscienza individuale, votando SI, ogni donna potrà decidere in libertà che la vita inizia quando lei decide che è iniziata.

 

 

IV° QUESITO

FECONDAZIONE ETOROLOGA

La legge vieta la possibilità di ricorrere alla donazione di  gameti esterni alla coppia (seme maschile o ovulo femminile a seconda della causa di sterilità).

 

In casi di grave e gravissima sterilità, il ricorso alla fecondazione assistita è l’unica possibilità di concepimento della coppia. Votando SI eviteremo di stabilire per legge il metodo di concepimento dei bambini

Pubblicato il 13/5/2005 alle 16.43 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web